Visibile e Invisibile - Visibile e Invisibile

Visibile e Invisibile di Francesco Conversano

RSS Feed

STRADE BLU. Viaggio nella provincia americana ai tempi di Obama. (6)

Img_74841 Img_74611_2 A Chicago al Rehabilitation Hospital incontriamo Tomas Young, giovane veterano di ventisette anni. E’ rimasto ferito in Iraq dopo solo cinque giorni.

Un proiettile lo ha colpito e lo ha paralizzato. Tomas era partito per l’Iraq dopo l’11 settembre. Come molti giovani americani viveva il forte impatto emotivo che l’attentato terroristico aveva provocato in tutti gli americani.

Tomas è tornato a casa e ha sviluppato una consapevolezza nuova.  E’ diventato un attivista  e si batte  contro la guerra con il movimento VETERANS AGAINST THE WAR. E’ diventato, come molti militari tornati dall’Iraq e dall’Afganistan, pacifista.


Le guerre sono cambiate. Le nuove guerre, per il buon equipaggiamento e per l’alta qualità dei soccorsi durante le azioni militari, fanno meno morti e moltissimi feriti. A casa nella guerra dell’Iraq, come scrive USA TODAY, sono tornati almeno 33.000 feriti.

Devono affrontare il grandissimo problema delle cure sanitarie e del loro inserimento nella società. Tomas ci racconta la sua dolorosa storia. Sua moglie lo ha abbandonato. Claudia, la sua nuova girlfriend si prenderà cura di lui.

E’ sera. Fuori dal Rehabilitation Hospital le luci di Chicago cominciano ad illuminare la notte.

Su Michigan Avenue la crisi dell’America sempre sconosciuta. Tra cinque settimane sarà Natale e Downtown Chicago sarà come sempre un trionfo di luci. Quanto appare lontana la crisi americana qui a Chicago?

Proseguiamo verso sud. Siamo all’Università di Champaign. Nel college si raccolgono fondi in vista del Thanksgiving Day.

La comunità nera dell’università festeggia con un concorso di bellezza la miss dell’università.

Nei campus  universitari americano gli studenti appartengono a club, le fraternity e le sorority. Il gruppo Alpha Phi Alpha Fraternity Inc. raccoglie giovani studenti neri che rappresentano la futura classe dirigente americana. Sono entusiasti della vittoria di Obama.

Affronteranno un futuro difficile ma per loro il turning point, il momento della svolta nella storia americana è già iniziato.

Continua…